Direzione generale per gli archivi

DGA News

Biblioteca digitale

Storico News

« Gennaio 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Asti, 7 novembre 2021 e altre date | Mostra: "Dalla Siberia a Trieste: il ritorno in Patria di diecimila soldati"

Ritratto di Cosma Manera, Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, archivio fotografico Ritratto di Cosma Manera, Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, archivio fotografico

La mostra Dalla Siberia a Trieste: il ritorno in Patria di diecimila soldati. Cosma Manera, l’astigiano padre dei redenti, realizzata in collaborazione dall’Archivio di Stato di Asti e dal Comando provinciale dei Carabinieri di Asti, con contributi della Fondazione Asti Musei, del Museo storico dell’Arma dei Carabinieri di Roma e della Fondazione Museo storico del Trentino, ha al centro la figura dell'astigiano Cosma Manera, in relazione alla sua attività militare negli anni dal 1916 al 1920.

Nato ad Asti nel 1876 in una famiglia di forti tradizioni militari, Manera si rivelò presto molto brillante negli studi e straordinario nell’apprendimento delle lingue, arrivando a padroneggiare francese, inglese, tedesco, greco, turco, bulgaro, serbo e russo. Tra gli aspetti più significativi della sua carriera militare vi fu il trasferimento in Italia, condotto tra il 1916 e il 1920, di migliaia di militari dispersi o prigionieri in Russia e provenienti dalle terre irredente, ossia i territori italiani appartenenti all’Impero austro-ungarico. La lunga e complessa operazione di localizzazione, raduno, organizzazione e rimpatrio dei militari, particolarmente ardua a cavallo tra Europa e Asia infiammate da guerra e rivoluzione, costituisce una pagina molto rilevante ma poco conosciuta della storia italiana. Di tale impresa saranno presentate in mostra varie testimonianze, insieme a fotografie e documenti che tratteggiano a tutto tondo la formazione, le missioni, la carriera.

La mostra sarà visitabile durante tre aperture straordinarie: domenica 7 novembre (turni di visita alle ore 15.30, 16.30 e 17.30), sabato 13 novembre (turni di visita alle ore 21 e alle ore 22) e domenica 21 novembre (turni di visita alle ore 15.30, 16.30 e 17.30). A partire dall'8 novembre la mostra sarà aperta gratuitamente al pubblico ogni giovedì con visite guidate alle 10 e alle 11.30.

Le scuole potranno visitare la mostra dal lunedì al venerdì, su prenotazione. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: as-at.salastudio@beniculturali.it.

L’evento si svolgerà nel rispetto delle misure di prevenzione della trasmissione e diffusione dell’infezione da COVID19. Per partecipare è necessario essere in possesso della certificazione verde Covid-19 (Green Pass) in corso di validità a partire dai 12 anni. Ingresso da via Govone 9 e uscita da via Galimberti 24.


La locandina


Archivio di Stato di Asti
[t] 0141 531229
[@] as-at@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatoasti.beniculturali.it

Direzione Generale Archivi
Via di San Michele 22- 00153 Roma IT
Copyright © 2012
Disclaimer
+39 06 672361 
+39 06 4882358
posta elettronica