Direzione generale per gli archivi

DGA News

Biblioteca digitale

Storico News

« Settembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Sabato 22 e domenica 23 settembre 2018 tornano, nei musei e nei luoghi della cultura di tutta Italia, le Giornate Europee del Patrimonio (GEP 2018), con tema L’Arte di condividere.

Visite guidate, iniziative speciali e aperture di luoghi normalmente chiusi al pubblico saranno organizzate nei musei e nei luoghi della cultura statali, cui si accederà con orari e costi ordinari nel corso delle giornate di sabato 22 e domenica 23 settembre. Inoltre, aperture straordinarie serali al costo simbolico di 1 euro sono previste per la sera di sabato 22 settembre.

Gli Archivi che partecipano:

ABRUZZO
Archivio di Stato di Chieti
Archivio di Stato di Pescara

BASILICATA
Archivio di Stato di Matera

CALABRIA
Archivio di Stato di Catanzaro
Archivio di Stato di Cosenza
Archivio di Stato di Cosenza. Sezione di Castrovillari
Archivio di Stato di Vibo Valentia
Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria

CAMPANIA
Archivio di Stato di Avellino
Archivio di Stato di Benevento

EMILIA-ROMAGNA
Archivio di Stato di Bologna
Sezione di Cesena
Archivio di Stato di Forlì-Cesena
Archivio di Stato di Piacenza
Archivio di Stato di Ravenna
Archivio di Stato di Rimini

FRIULI-VENEZIA GIULIA
Archivio di Stato di Gorizia 

LAZIO
Archivio Centrale dello Stato
Istituto Centrale per gli Archivi
Archivio di Stato di Rieti

LIGURIA
Archivio di Stato di Genova
Archivio di Stato di Savona

LOMBARDIA
Archivio di Stato di Pavia

MARCHE
Archivio di Stato di Ascoli Piceno
Archivio di Stato di Macerata

PIEMONTE
Archivio di Stato di Asti 
Archivio di Stato di Torino

PUGLIA
Archivio di Stato di Bari
Sezione di Barletta
Sezione di Trani

Archivio di Stato di Lecce
Archivio di Stato di Brindisi

SICILIA
Archivio di Stato di Catania
Archivio di Stato di Enna 
Archivio di stato di Ragusa 
Archivio di Stato di Trapani

TOSCANA
Archivio di Stato di Lucca 
Archivio di Stato di Siena

UMBRIA
Archivio di Stato di Perugia
Archivio di Stato di Perugia. Sezione di Assisi

Archivio di Stato di Perugia. Sezione di Spoleto
Archivio di Stato di Perugia. Sezioni di Foligno
Archivio di Stato di Terni

VENETO
Archivio di Stato di Rovigo

 

 

A Genova, martedì 18 settembre 2018, alle ore 16.30, presso il Complesso monumentale di Sant’Ignazio (via S. Chiara 28 R), l'Archivio di Stato tiene l'inaugurazione della mostra documentaria e bibliografica Schiavi a Genova e in Liguria, a cura di Giustina Olgiati e Andrea Zappia.

Intervengono Francesca Imperiale (Soprintendente archivistico e bibliografico della Liguria - Direttore dell’Archivio di Stato di Genova), Annalisa Rossi (Soprintendente archivistico e bibliografico della Lombardia). Ingresso libero.

Gli schiavi sono gli uomini e donne di condizione servile che svolgono i lavori più pesanti nell’agricoltura come nell’artigianato e, nelle dimore private, le mansioni di serve domestiche, balie, badanti, concubine del padrone e oggetto delle attenzioni degli altri uomini della casa. Vittime di guerre, razzie e povertà, provengono dalle coste saracene, dalla Sardegna, poi dal grande mercato del mar Nero: sono tartari, russi, abkhazi, circassi, zichi, magiari, ungari, bulgari, greci, mingreli, lazi, più tardi albanesi, bosniaci, valacchi, mori di Malaga e Granada, ebrei della diaspora sefardita, turchi. Sono la “merce umana”, voce primaria nell’economia della Genova medievale. Come schiavi non hanno diritti; se liberati, si integrano nella società, formano una famiglia, diventano a tutti gli effetti cittadini di Genova.

I cattivi sono gli uomini e donne liguri di nascita libera, che la cattura da parte delle navi barbaresche ha reso schiavi. Vengono dai borghi delle riviere, dalle piccole imbarcazioni dei pescatori e dai grandi vascelli sconfitti in battaglia; sono nati in famiglie povere e nel grande patriziato cittadino. Per la loro liberazione opera a Genova il Magistrato del riscatto degli schiavi. Molti di loro riescono a ritornare; molti non rivedono più le loro case.

La mostra racconta la storia di uomini e donne che da una sponda all’altra del Mediterraneo hanno vissuto vicende simili, condividendo la terribile esperienza della vita in catene; di chi è riuscito a ritornare in libertà; di chi ha trovato in terra straniera una nuova patria e un nuovo futuro. Il catalogo della mostra è pubblicato da Sagep Editori, Genova. Autori dei saggi e delle schede: Andrea Lercari, Giustina Olgiati, Valeria Polonio, Andrea Zappia.

La mostra Schiavi a Genova e in Liguria resterà aperta dal 18 settembre al 7 dicembre 2018, presso l'Archivio di Stato di Genova (Complesso monumentale di Sant'Ignazio - piazza Santa Maria in via Lata, 7).

Orari: lunedì, martedì e venerdì 10-14; mercoledì e giovedì 10-17; in occasione degli eventi l’orario sarà prolungato. Visite guidate gratuite: sabato ore 10 (ingresso da via di Santa Chiara 28r). Per gruppi, da lunedì a venerdì in data e orario da concordare.

Nell'àmbito delle iniziative collegate alla mostra, l'Archivio ospiterà un ciclo di conferenze a partire da mercoledì 26 settembre sino al 5 dicembre 2018.

Il programma completo

L'invito

Archivio di Stato di Genova
[t] 010 537561
[@] as-ge@beniculturali.it
[w] www.asgenova.beniculturali.it


 

Direzione Generale Archivi
Via di San Michele 22- 00153 Roma IT
Copyright © 2012
Disclaimer
+39 06 672361 
+39 06 4882358
posta elettronica