Direzione generale per gli archivi

DGA News

Biblioteca digitale

Storico News

« Aprile 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Venerdì 12 aprile 2019, alle ore 17, presso l’Archivio di Stato di Cremona, si inaugura la mostra documentaria Nel novero dei sovversivi. Volti e storie della “Nazione pericolosa” nel Casellario Politico della Questura di Cremona.
Lo spunto per l'ideazione della mostra è stato offerto dallo studio, realizzato nel 2016, in occasione dei 70 anni del voto alle donne, dei fascicoli riguardanti 127 donne cremonesi fatte oggetto di controllo da parte della polizia per una vera o presunta attività antifascista e per questo iscritte nel Casellario Politico della Questura, depositato presso l’Archivio di Stato di Cremona.
L’interesse suscitato da quella ricerca ha spinto a completarla con l’analisi dei fascicoli riguardanti le figure maschili: un lavoro di paziente e meticolosa ricerca volto a ricostruire i profili biografici, ma soprattutto l’attività svolta da questi elementi giudicati “sovversivi”. Se molti nomi sono noti alla storiografia locale, la maggior parte degli uomini schedati sono figure anonime e sconosciute. Tutti fatti oggetto di una vasta tipologia di provvedimenti: segnalazioni, condanne, diffide, fino a misure più estreme di carcerazione.
La documentazione risulta estremamente preziosa perché può essere letta in una duplice chiave: da un lato individuale, per ricostruire la dimensione privata dei protagonisti e la loro condizione sociale; dall’altro più generale, per analizzare la loro avversione alle ideologie politiche del tempo e l’adesione a valori che richiamano a una nuova idea di Patria.
L’Archivio di Stato di Cremona intende in questo modo proporre un contributo volto a mantenere memoria della vita e dell’azione di questi uomini, trasmettendone il ricordo dell’impegno alle nuove generazioni perché da questo agire traggano insegnamento.

La mostra rimarrà aperta fino al 3 maggio 2019 e sarà visitabile negli orari di apertura dell’Istituto: lunedì, martedì, giovedì, venerdì dalle 8 alle 15; mercoledì dalle 8 alle 16.

L'invito
Alcune delle immagini esposte

 

Archivio di Stato di Cremona 
[t] 0372 25463
[@] as-cr@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatocremona.beniculturali.it

Venerdì 12 aprile 2019, alle ore 16, presso la sala studio dell'Archivio di Stato di Modena, si tiene la conferenza Scritture, grafie, calligrafie. La scrittura e le sue verità nascoste, a cura di Giorgia Filiossi.

Si tratta di un incontro conoscitivo rivolto a tutti coloro che desiderano avvicinarsi alla grafologia, scienza umana che studia l’aspetto non verbale della scrittura, cioè il tracciato grafico depositato sulla carta e frutto di una complessa interazione neuromotoria e sensoriale e non i contenuti linguistici espressi. L’analisi della scrittura ci permette di arrivare a delineare le caratteristiche individuali dello scrivente sotto il punto di vista intellettivo, temperamentale, affettivo e comportamentale. Partendo da un veloce excursus sulla storia della grafologia si parlerà degli attuali e auspicabili impieghi; attraverso il lessico grafologico si spiegheranno i parametri di osservazione della scrittura.

È il primo appuntamento di un percorso tra la scrittura e le scritture, all’interno di una cornice di carta e documenti: l’Archivio di Stato di Modena organizza un ciclo di seminari e laboratori per far scoprire le arti della grafia e dello scrivere, in un delicato intreccio tra antico e moderno, tra tecnica ed immaginazione. A partire dalla documentazione conservata presso l’Archivio, gli argomenti verranno presentati in incontri tematici programmati lungo il corso dell’anno, in modo da offrire molteplici scorci e prospettive su realtà tanto ricche quanto, apparentemente, misteriose.

L'ingresso libero fino ad esaurimento posti. Non si effettuano prenotazioni.

La locandina

 

Archivio di Stato di Modena
[t]  059 230549
[@] as-mo@beniculturali.it
[w] www.asmo.beniculturali.it

 

Venerdì 12 aprile 2019, alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze dell’Archivio di Stato di Siena, nell’ambito del ciclo di conferenze Storia ed evoluzione del Palio e delle Contrade, a cura degli Archivisti delle 17 consorelle, Armando Santini parlerà delle Regole della festa. Dalle prime carriere al Palio moderno.

Introduce Cinzia Cardinali, archivista dell'Archivio di Stato.
Presenta Giovanni Mazzini, coordinatore degli archivisti delle consorelle. 

La locandina

 

Archivio di Stato di Siena
[t] 0577 247145
[@] as-si.comunicazione@beniculturali.it
[w] www.archiviodistato.siena.it

A Bari, venerdì 12 aprile 2019, dalle ore 8.30, nell’auditorium dell’Archivio di Stato, si svolge la seconda giornata della 4ª edizione della “Festa della Gente di Mare”, con incontri-dibattiti sul tema La ricerca archeologica subacquea del litorale di Bari.

La manifestazione è promossa dall’Associazione Stella Maris Santa Chiara-Porto di Bari; dalla Direzione Marittima della Puglia e Basilicata Ionica - Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Bari; dall’Archivio di Stato di Bari; dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale; dalla Lega Navale Italiana e dalla Società italiana protezione beni culturali ONLUS – Sezione regionale di Puglia.

Nella giornata dedicata alle “Attività di ricerca archeologica subacquea del litorale di Bari”, agli incontri-dibattiti parteciperanno autorità preposte alla tutela e valorizzazione del patrimonio sommerso e docenti ed esperti che effettuano la ricerca in tale àmbito.

Ai saluti istituzionali seguiranno gli interventi:

Giacomo Disantarosa, Il sistema portuale antico di Bari: merci, commerci e rotte dal Mediterraneo orientale
Giovanni Strippoli, Le Associazioni subacquee e l’educazione alla protezione dei beni culturali
Gianfranco Ruffo, Esperienze di cantieri di ricerca subacquea e collaborazioni
Anna Esposito, I reperti archeologici ceramici di provenienza subacquea
Michele De Gioia, Archeologia subacquea e il fouling marino
Antonino Greco, Le ricerche sul litorale antico di Bari
Luigi Leotta, La cornice di sicurezza ed il supporto logistico della Guardia Costiera

Introduce e modera Nicolò Carnimeo, presidente dell’Associazione Vedetta sul Mediterraneo e promotore del Festival “Mare d’inchiostro”.

Ingresso libero

La locandina

Archivio di Stato di Bari
[t] 080 099311; Patrizia Cipriani 080 099325
[@] as-ba@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatodibari.beniculturali.it

 

Direzione Generale Archivi
Via di San Michele 22- 00153 Roma IT
Copyright © 2012
Disclaimer
+39 06 672361 
+39 06 4882358
posta elettronica