Direzione generale per gli archivi

DGA News

Biblioteca digitale

Storico News

« Ottobre 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

In occasione della Domenica di carta, l'Archivio di Stato di Siracusa e la Sezione di Noto effettueranno una apertura straordinaria, dalle 9 alle 13.

Presso la sede di Siracusa, sarà possibile visitare la mostra documentaria Sancta Maria ad Nives 1571-2021. È inoltre prevista la presentazione del libro Uno Stato nello Stato. Sette segrete, complotti e rivolte nella Sicilia del primo Ottocento, a cura dell'autore, Salvatore Santuccio.

Presso la Sezione di Noto, dalle 9 alle 13, sarà possibile vistare la mostra documentaria I cittadini e l'Archivio di Stato: percorsi di conoscenza del territorio e della sua storia in Archivio. È inoltre prevista la presentazione del libro Il feudo Scini nel Cinquecento, a cura dell'autore, Antonello Capodicasa, con l'intervento di Luigi Lombardo.

 

Archivio di Stato di Siracusa 
[t] 0931 412546
[@] as-sr@beniculturali.it
[w] www.assiracusa.beniculturali.it

L’Archivio di Stato di Rieti, in occasione della Domenica di Carta 2021, propone un itinerario di visita dell’istituto che svilupperà l’iniziativa dal titolo Donne tra le righe. Storia e storie al femminile nei documenti dell’Archivio di Stato di Rieti.

Il percorso sarà un viaggio nelle testimonianze al femminile, dal Medioevo al Novecento, partendo dalla sala in cui è custodita la documentazione più antica, in cui le donne non sono protagoniste ma vengono rappresentate e narrate dagli uomini, per terminare con i fondi più recenti delle istituzioni in cui le donne raggiungono una presenza indipendente e autorevole.
L’utente potrà quindi conoscere e ripercorrere le varie declinazioni della figura della donna nella storia, da principio quasi nascosta tra le carte per poi rivelarsi nel suo ruolo teso alla parità di genere e alla piena inclusione. Nel corso della visita si proporranno approfondimenti anche su singole personalità femminili di spicco e sul segno che hanno lasciato nella storia locale.

L’accesso all’Istituto avverrà su prenotazione e in due turni (ore 10 e 11.30), in modalità contingentata per permettere una visita in sicurezza. Sarà inoltre aperta anche la mostra I Nicoletti-Rinaldi e l’armadio della memoria, inaugurata in occasione delle Giornate europee del Patrimonio dello scorso 25-26 settembre.

            
 

 

 

Archivio di Stato di Rieti
[t] 0746 204297
[@] as-ri@beniculturali.it
[w] www.asrieti.it

In occasione della Domenica di carta, l'archivio di Stato di Pavia allestirà un'esposizione di documenti e fotografie dal titolo Carte al femminile. Territorio e società pavese nei secoli. Gli utenti potranno visitare il chiostro e le tracce romaniche della chiesa del secolo XI dell'ex convento di San Maiolo, accompagnati dal personale.

La locandina

Archivio di Stato di Pavia
[t] 0382 539078 
[@] as-pv@beniculturali.it 
[w] www.archiviodistatopavia.beniculturali.it

In occasione della Domenica di Carta, l’Archivio di Stato di Catanzaro, al fine di valorizzare il patrimonio culturale custodito, ha organizzato una mostra documentaria in presenza, seppur contingentata, dal titolo Donne: vicende e figure nelle carte dell’Archivio di Stato di Catanzaro.
Il progetto nasce e si sviluppa allo scopo di far emergere il valore del documento storico, non solo ed esclusivamente in quanto tale, ma per tutti quei collegamenti con l’attualità, per la conservazione della memoria e lo studio della storia di persone, comunità e territori.
I documenti proposti, conservati nei propri fondi archivistici, abbracciano un arco di tempo ampio, con materiale del tutto eccezionale, di straordinaria importanza, come nel caso di alcune pergamene risalenti ai secoli XIV e XVI, rare volte esposte al pubblico, atti notarili di fine Settecento, carte diverse afferenti a processi politici e brigantaggio della seconda metà dell’Ottocento, fondi giudiziari e prefettura fino alla prima metà del Novecento, da cui emergono tante storie di donne comuni, vittime di soprusi e violenze, oppure protagoniste positive nello storytelling offerto.
L’Archivio di Stato di Catanzaro realizzerà inoltre un breve video documentario attraverso una selezione dei documenti esposti, che verrà reso disponibile sul canale You Tube dell’Istituto.
L’evento si svolgerà, con orario di apertura al pubblico dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 presso la sede dell’Archivio (piazza del Rosario, 6) nel rispetto delle misure di sicurezza sanitaria adottate per il contrasto e contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

La locandina

 

Archivio di Stato di Catanzaro
[t] 0961 726336
[@] as-cz@beniculturali.it
[w] www.ascatanzaro.beniculturali.it

 

L’Archivio di Stato di Udine, domenica 10 ottobre 2021, in occasione della Domenica di carta, finalizzato alla valorizzazione dell’importante patrimonio conservato in Archivi e Biblioteche statali, sarà aperto al pubblico e offrirà a tutti la possibilità di conoscere, attraverso la rassegna documentaria A porte chiuse. Donne vittime e imputate nelle carte processuali (1926-1942) le difficili condizioni di vita delle donne nel periodo compreso tra le due guerre mondiali. "A porte chiuse" era l'espressione che, sulla stampa locale, accompagnava la pubblicazione della sentenze relative ai procedimenti penali per infanticidi, procurati aborti e uxoricidi. Questi "delitti" sono tra i più ricorrenti che videro protagoniste le donne dell'epoca davanti alla Corte d'Assise di Udine. La lettura di questi documenti risulta emotivamente difficile, ma di estremo valore storico sociale.

La locandina

 

Archivio di Stato di Udine
[t] 0432 477245
[@] as-ud@beniculturali.it
[w] archivio di statoudine.beniculturali.it

In occasione della Domenica di carta 2021, il 10 ottobre, presso la Biblioteca Alessandrina dell’Archivio di Stato di Roma, la Compagnia del Teatro artigiano diretta da Pietro Longhi proporrà il reading teatrale Bellezza Orsini. La costruzione di una strega,che darà voce e corpo ad una singolare figura femminile, Bellezza Orsini, protagonista nel Cinquecento di una vicenda dai toni fortemente drammatici.

Nel 1528 Bellezza Orsini, figlia naturale di Pietro Angelo e serva degli Orsini, feudatari di Monterotondo, fu accusata di stregoneria in seguito alla fama pubblica sui suoi “malefici” con le erbe. Processata e torturata nella Rocca di Fiano Romano, finì per cedere alle accuse passando da una decisa difesa dei suoi
comportamenti alla descrizione del sabba con il diavolo attorno al noce di Benevento. Alla condannata viene applicata la tortura riservata agli uomini, senza gli alleggerimenti consueti per le donne, in quanto strega. Al settimo tratto di corda Bellezza crolla a terra e confessa di essere strega, di avere insegnato la “strearia” a tantissime persone e di aver ammalato e guarito per denari. La vicenda ha un epilogo tragico. Il notaio stesso, che trascrive il verbale, la ritrova riversa a terra
moribonda: sgozzatasi con un chiodo alla gola, disse che, tentata dal diavolo, si era voluta uccidere per evadere dal mondo.

Si tratta di uno dei primi processi scritti integralmente in volgare italiano, conservato tra le carte del Tribunale criminale del Governatore. Insieme al fascicolo del procedimento, Bellezza lascia però anche un suo documento straordinario: la confessione autografa scritta in un quaderno, dove deposita la sua testimonianza in risposta all’ultima domanda del giudice su cosa fosse la vera stregoneria. Bellezza descrive i rituali celebrati sotto al noce, gli incontri con il diavolo, le pozioni malefiche, l’organizzazione delle streghe, lasciando ai posteri un rarissimo esempio della scrittura di una strea tra le carte giudiziarie, testimonianza di una originale concezione della stregoneria come aspirazione alla conoscenza.
Introdotta da Michele Di Sivo, la storia sarà narrata con le voci di Maria Cristina Gionta e Luca Negroni della Compagnia del Centro Teatrale artigiano diretto da Pietro Longhi. I testi sono tratti dal volume Bellezza Orsini. La costruzione di una strega di Michele Di Sivo. La drammaturgia e la regia sono a cura di Silvio Giordani. Musica dal vivo di Emiliano Ottaviani. Costumi Sorelle Ferroni.

Quando: 10 ottobre 2021
Prima replica: ore 15.30 con ingresso dalle 15.00 alle 15.20
Seconda replica: ore 17.30 con ingresso dalle 17.00 alle 17.20
Dove: Sala Alessandrina – Corso del Rinascimento 40 - Roma
Come: Ingresso gratuito su prenotazione al link pubblicato sul sito web dell’Archivio di Stato di Roma, con green pass unito a un documento di identità e con il biglietto digitale o cartaceo della prenotazione.

Archivio di Stato di Roma
[t] 06 67235666-79
[@] as-rm@beniculturali.it 
[w] www.archiviodistatoroma.beniculturali.it

In occasione della Domenica di carta, l'Archivio di Stato di Reggio Calabria e le sezioni di Locri e Palmi, organizzano le seguenti iniziative:

Archivio di Stato di Reggio Calabria

  • Incontro e mostra Di telai di amore, le donne e il lavoro nelle carte di Archivio.
  • filmato con documenti d'archivio.

Apertura: 9-13.


Sezione di Locri

  • Mostra documentaria I documenti d'Archivio raccontano le donne nel territorio nei secoli passati.
  • visite guidate contingentate.

Apertura: 8.30-12.30.


Sezione di Palmi
In collaborazione con l'Amministrazione comunale di Palmi - Assessorato alla Cultura, Pinacoteca Casa della Cultura, evento Una donna tra le carte:

  • ricordi e testimonianze della storica professoressa Vincenza Pipino, che si è accostata allo studio dei documenti antichi per far conoscere il fascino della Storia.
  • presentazione postuma del suo ultimo lavoro Imprenditoria e traffici mercantili in Gioia Tauro e Palmi tra Settecento e Ottocento.
  • esposizione dei documenti studiati dalla professoressa Pipino.
  • intermezzi musicali eseguiti da artiste del territorio.

Apertura: ore 16.30.

 

 

Archivio di Stato di Reggio Calabria
[t] 0965 653211-6532257 
[@] as-rc@beniculturali.it  
[w] http://archiviodistatoreggiocalabria.beniculturali.it

In occasione della Domenica di carta, l'Archivio di Stato di Vibo Valentia ha organizzato una mostra documentaria dal titolo La condizione della donna attraverso gli atti notarili, che ripercorre un arco temporale che va del 1765 al 1866, con testimonianze preziose (attraverso atti notarili), della vita delle donne in ambito sociale e personale. Contratti di nozze, donazioni di schiave, "donatio" nei confronti della moglie, capitoli matrimoniali, fughe delle proprie case per dissapori coniugali, scioglimenti definitivi di promesse di nozze, locazione delle proprie figlie presso uomini benestanti in cambio di lavori domestici.
L'ingresso, dalle 9 alle 13, è gratuito e non è necessaria la prenotazione. L'accesso è consentito solo ai possessori di certificazione verde.

Archivio di Stato di Vibo Valentia
[t]
0963 991392
[@] as-vv@beniculturali.it
[w] archiviodistatovibo.beniculturali.it

 
 

 

Per la Domenica di carta 2021, l’Archivio di Stato di Cosenza propone la mostra documentaria Le storie delle donne nelle carte d’archivio. I documenti esposti esprimono sentimenti, passioni, sofferenze di donne che non hanno voluto resistere alla consuetudine, alla violenza, al dolore, all’illusione, che si sono ribellate a loro modo nel tentativo di cambiare il futuro, o che si sono rassegnate alla sofferenza pur mantenendo alta la dignità di donna, di moglie e di madre.

Donne forti, audaci, tenaci, deboli, sfruttate, violate, abbandonate: un mondo assai complesso e garantirne la memoria è un segno di civiltà.

La mostra sarà visitabile nel Chiostro del Complesso monumentale di San Francesco di Paola, sede dell’Istituto.

Non occorre prenotazione ma vige il rispetto delle regole anti COVID-19.

 

 

 

Archivio di Stato di Cosenza
[t] 0984 791790
[@] as-cs@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatocosenza.beniculturali.it

In occasione della Domenica di Carta 2021, la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana presenta alcuni degli interventi di restauro finanziati dalla Direzione Generale Archivi.

dalle ore 16:00 alle ore 17:​30
I restauri della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana

Saluti. Dott.ssa Sabina Magrini, Soprintendente archivistico e bibliografico della Toscana.

Introduzione. Dott.ssa Anna Nicolò, Settore Restauro, Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana

Il restauro dei documenti dell’Archivio Storico della Comunità Ebraica di Livorno. Dott.ssa Elisa Battilla, restauratrice.

Gli Atti criminali dell’Archivio Storico del Comune di San Miniato e le Pergamene dell’Archivio Guicciardini Bardi di Vernio. Dott.ssa Milica Popovic, restauratrice.

I registri dell’Archivio storico della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello. Dott.ssa Simonetta Rosatelli, restauratrice.

Conclusioni. Dott.ssa Gabriela Todros, Ispettore Archivistico onorario.

La conferenza sarà visibile in diretta streaming dalla pagina Facebook della Soprintendenza


dalle ore 14:30 alle ore 17:​00
Visite guidate a Palazzo Neroni previa prenotazione obbligatoria. Green-pass obbligatorio per l'accesso alla sede.

Per prenotazioni contattare sab-tos@beniculturali.it 

La locandina

 

Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana
[t] 055 271111
[@] sab-tos@beniculturali.it
[w] www:soprintendenzaarchivistica.toscana

[fb] facebook.com/soprintendenza.toscana

 

 

Pagina 1 di 9
Direzione Generale Archivi
Via di San Michele 22- 00153 Roma IT
Copyright © 2012
Disclaimer
+39 06 672361 
+39 06 4882358
posta elettronica