Direzione generale per gli archivi

DGA News

Biblioteca digitale

Storico News

« Ottobre 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Domenica 10 ottobre 2021 dalle ore 11, in occasione di Domenica di Carta, l’Archivio di Stato di Piacenza presenta, presso la propria sede di Palazzo Farnese, Coppi e il diavolo, uno spettacolo scritto e recitato dall’attore Davide Ferrari, in collaborazione con Gino Cervi, tratto dagli articoli di Gianni Brera, con le canzoni di Claudio Sanfilippo.

La pièce continua idealmente il percorso intrapreso con la mostra Piacenza in bicicletta. Storie e pedalate tra Ottocento e Novecento.
La mostra resterà aperta fino al 28 gennaio 2022.
Nel rispetto delle norme anti-Covid-19 è necessaria la prenotazione telefonando al numero 0523 338521 oppure scrivendo all’indirizzo e-mail as-pc.segreteria@beniculturali-it. Green Pass e mascherina obbligatori.


La locandina

 

Archivio di Stato di Piacenza
[t] 
0523338521
[@] as-pc@beniculturali.itas-pc.salastudio@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatopiacenza.beniculturali.it

L’Archivio di Stato di Livorno partecipa alla Domenica di carta con l’apertura straordinaria, domenica 10 ottobre, dalle 9 alle 13, della sede aggiuntiva "Domenicani" (via Forte S. Pietro), dove sarà possibile visitare gratuitamente la mostra dal titolo La Comunità greca di Livorno: appunti di una storia economica e sociale.
Nella mostra sono esposti documenti riguardanti la vita della Confraternita greco-ortodossa di Livorno e delle sue istituzioni religiose e sociali.
Green pass e mascherina obbligatori.

 

Archivio di Stato di Livorno
[t] 0586 897776
[@] as-li@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatolivorno.beniculturali.it

In occasione della Domenica di Carta 2021, l’Archivio di Stato di Reggio Emilia, in via del tutto eccezionale, esporrà al pubblico la "Pianta dei Ducali giardini e palazzo da sua altezza serenissima fatto edificare in Rivalta", disegnata su carta foderata con tela dal conte Alfonso Tacoli, nel 1751. Si tratta, a detta di molti, della più fedele rappresentazione dei perduti giardini della reggia di Rivalta, realizzata quando il palazzo di Rivalta era all’apice dello splendore ma raramente esibita al pubblico a causa delle notevolissime dimensioni e, soprattutto, della sua fragilità.

In tale occasione, insieme all’opera del Tacoli, il pubblico potrà ammirare cabrei, mappe e disegni raffiguranti in varie forme e modi il territorio reggiano e visitare il piccolo ma interessante museo dell’Istituto.
 

Archivio di Stato di Reggio Emilia
[t] 0522 451328; 0522 453313
[@] as-re@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatoreggioemilia.beniculturali.it

La mostra Nino Martoglio, un illustre catanese: vita, misteri e morte di un grande protagonista del panorama letterario e teatrale italiano, che sarà inaugurata all’Archivio di Stato di Catania il 10 ottobre 2021, in occasione del Grande Evento Domenica di Carta e nell’ambito delle “Celebrazioni del Centenario della Morte di Nino Martoglio”, espone i documenti più salienti individuati nelle fonti archivistiche sul celebre artista catanese.

La mostra si suddivide in 12 sezioni che ripercorrono la vita del geniale e sfortunato commediografo, dalla nascita alla tragica fine, di cui sottolineano alcuni specifici aspetti personali, familiari e pubblici. In particolare la mostra espone la documentazione relativa ai verbali d'istruzione del processo penale e alle sentenze civili del Tribunale di Catania, prodotti dopo la morte e citati nella pubblicazione del regista Elio Gimbo Le tre porte. Ovvero la misteriosa morte di Nino Martoglio, che rievocano gli ultimi istanti di vita e l'epilogo della sera del 15 settembre 1921 quando Martoglio cade in un vano ascensore dell'Ospedale Vittorio Emanuele di Catania. La morte viene archiviata dai giudici dell'epoca come un tragico incidente, ma in realtà l'ipotesi concreta che scaturisce dagli atti è quella dell'omicidio.


La locandina

 

Archivio di Stato di Catania
[t] 0957159860
[@] as-ct@beniculturali.it
[w] www.ascatania.beniculturali.it

L’Archivio di Stato di Campobasso, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Isernia, in occasione della Domenica di Carta 2021, quest’anno dedicato a Storie di donne tra le carte d’archivio, effettua un’apertura straordinaria, dalle ore 16 alle ore 19.

Dalla lettura e dallo studio di documentazione contenuta nei fondi Notai, Tribunale civile e penale, Questura, Stato Civile, Archivio privato Japoce sono state tratte storie di donne di varie epoche, condizione sociale, età, che saranno presentate durante l’evento intitolato Dai documenti alle storie.
Testi a cura di: Adelchi Battista, Barbara Bertolini, Carla Costa, Rita Frattolillo, Annamaria Lombardi, Rossana Venditti, Maria Pia Verdone
Letture a cura di: Carla Costa
Introduce l’incontro Vincenzo Lombardi, direttore degli Archivi di Stato di Campobasso e Isernia, interviene Giuditta Lembo, Consigliera di Parità della Provincia di Campobasso e Isernia.

L’ingresso è gratuito, la prenotazione è obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili. È richiesto il possesso del Green Pass.

L’evento è realizzato in collaborazione con Zonarossa WebTV e sarà trasmesso in diretta sui canali Facebook e You Tube dell’emittente.

La locandina

Archivio di Stato di Campobasso
[t] 0874 90349; 0874 411488

[@] as-cb@beniculturali.it
[w] www.ascampobasso.beniculturali.it

In occasione della manifestazione nazionale Domenica di carta organizzata dal Ministero della cultura – Direzione Generale Archivi e al fine di valorizzare il patrimonio culturale italiano, l’Archivio di Stato di Venezia aprirà i propri spazi monumentali al pubblico, pur contingentato.

Con l'occasione avrà luogo la cerimonia di intitolazione della Sala di studio e dell'Aula di paleografia rispettivamente alla dott.ssa Maria Francesca Tiepolo e al dott. Paolo Selmi, indimenticabili Direttori dell'Istituto negli ultimi decenni del Novecento. Dopo il saluto del Direttore, Gianni Penzo Doria, e del Generale Cd’A della Guardia di Finanza, Bruno Buratti, ci sarà una breve commemorazione di Franco Rossi.

E, proprio in onore di Tiepolo e di Selmi, al termine della cerimonia, la Sala di studio aprirà in via straordinaria agli studiosi, che potranno svolgere le loro ricerche di domenica come in un normale turno settimanale prenotabile con il sistema on-line.

La festa tra le carte d'archivio si completerà con due visite guidate all'Istituto, un'occasione unica per tornare ad ammirare gli splendidi spazi monumentali dei Frari, accompagnati dal Direttore (per i leoni marciani all'ingresso) e da Monica Del Rio e Andrea Erboso per i depositi e per la illustrazione di alcuni documenti sulla storia delle donne.

Info
https://www.archiviodistatovenezia.it/it/eventi/news/domenica-di-carta-2021-cerimonia-di-intitolazione-della-sala-di-studio-a-maria-francesca-tiepolo-e-dell-aula-di-paleografia-a-paolo-selmi-con-apertura-straordinaria-della-sala-di-studio-e-due-visite-guidate-10-ottobre-2021.html

 

Archivio di Stato di Venezia
[t] 041 5222281
[@] as-ve@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatovenezia.it

In occasione della Domenica di Carta e per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale, l'Archivio di Stato di Massa organizza un'apertura straordinaria dell'Istituto con il proseguo della mostra Carte della follia. I malati psichiatrici nella documentazione dell'Archivio di Stato di Massa, calando le visite guidate all'approfondimento delle pazienti psichiatriche nelle loro patologie, malesseri e disagi che spesso derivano da problematiche come abusi in famiglia, mancanza d'indipendenza economica e costrizioni sociali.
Visite guidate dalle ore 16 alle ore 19, prenotazione obbligatoria scrivendo ad as-ms@beniculturali.it, esibizione del green pass e uso della mascherina per tutto il tempo della visita.

 


Archivio di Stato di Massa
[t] 0585 41684; fax 0585 45190
[@]  as-ms@beniculturali.it
[w] www.asmassa.beniculturali.it

Siciliane. Donne al vertice è l’evento che la Soprintendenza Archivistica della Sicilia – Archivio di Stato di Palermo presenta il 10 ottobre per la Domenica di Carta. La mostra documentaria, visitabile presso la sede della Gancia dell’Archivio di Stato (h. 9 – 13, 15-19), sarà affiancata per l’occasione dal seminario Donne per i beni culturali in Sicilia (h. 11-12.15) in cui le funzionarie dell’Archivio, in collaborazione con le relatrici dell’Associazione Archivia-donne in relazione, affronteranno il tema del contributo delle donne per la conservazione, tutela, valorizzazione del patrimonio culturale siciliano.

Mostra documentaria
Donne leader e personaggi femminili dalla grande individualità, capaci di essere “guida d’impresa”: il percorso documentario proposto intende illustrare la storia di una Sicilia in cui le donne non sono semplici comparse, ma protagoniste e soggetti giuridici definiti, in grado di tracciare la strada del loro destino, esprimere la propria volontà, svolgere un’azione benefica in ambito sociale e culturale. Attraverso un ricco e variegato collage di documenti conservati nei depositi dell’Archivio di Stato di Palermo, dalle carte che portano la firma di regnanti come Costanza d’Altavilla e Bianca di Navarra, passando per i documenti che testimoniano l’attività di personalità importanti come la viceregina Eleonora de Moura o l’archeologa Jole Bovio Marconi, si intende offrire al visitatore uno spaccato della vita delle donne in Sicilia che attraversa otto secoli di storia. Bianca, Costanza, Eleonora, Vittoria, Jole e le altre: le figure femminili che emergono dalla selezione proposta raccontano la storia di una Sicilia in cui le esperienze di regine, badesse, nobildonne, ma anche mediche, rivoluzionarie, combattenti e archeologhe, invitano all’approfondimento della storia condizione femminile al di fuori da schemi comuni e stereotipi.

Seminario - Donne per i beni culturali in Sicilia
Francesca Di Pasquale e Serena Falletta (Soprintendenza archivistica per la Sicilia-Archivio di Stato di Palermo, Da Adelasia ad Adelaide. Donne per la tutela dei beni culturali in Sicilia
Angela Lanza (Associazione "Archivia-donne in relazione"), Donne e cultura
Rita Alù (Associazione "Archivia-donne in relazione"), Alcune figure femminili da ricordare nel settore dei beni culturali in Sicilia
Margherita Cottone (Associazione "Archivia-donne in relazione"), M. Emma Alaimo e la battaglia femminile per l'istruzione.

Ulteriori informazioni sul sito web istituzionale

La locandina

 

Soprintendenza Archivistica della Sicilia–Archivio di Stato di Palermo
[t] 091 322079; 091 334728
[@] saas-sipa@beniculturali.it
[w] www.saassipa.beniculturali.it

 

In occasione dell’apertura straordinaria per la Domenica di Carta, il 10 ottobre, dalle ore 9.30 alle ore 13, l’Archivio di Stato di Sassari ospiterà presso la sede di via Enrico Costa 57 (ex Ospedale civile di Piazza Fiume) un incontro con la criminologa Lorena Piras dal titolo Nero d'archivio. Le donne nei fascicoli penali tra Otto e Novecento. A corredo della presentazione sarà allestita una mostra dei documenti più significativi che la ricercatrice ha consultato, tratti dai fondi gidiziari, quali il Tribunale di Sassari e la Corte d'assise, conservati presso l'Istituto.

L’evento sarà trasmesso in diretta sul canale Facebook dell’Archivio di Stato di Sassari; in conformità alla normativa anti Covid, l’accesso in presenza è consentito presentando il Green pass e solamente previa prenotazione, telefonando entro le ore 14 dell'8 ottobre 2021 al numero 079 233470.

 

Archivio di Stato di Sassari
[t] 079 233470
[@] as-ss@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatosassari.beniculturali.it

In occasione della Domenica di Carta, il 10 ottobre, l’Archivio di Stato di Lecce organizza una mostra documentaria dal titolo Sopravvivere, lavorare, resistere. Lotte femminili nel Novecento salentino.
Basata su un’ampia selezione di testimonianze scritte e fotografiche, l’esposizione si propone di illustrare, in una prospettiva di genere, alcuni momenti salienti della storia contemporanea locale. L’obiettivo è quello di ricostruire il ruolo giocato dalle donne salentine nei cambiamenti intercorsi nella prima metà del XX secolo, periodo cruciale per l’affermazione di una nuova identità collettiva femminile.
Attraverso percorsi tematici e cronologici, si presenteranno vicende individuali e rivendicazioni collettive relative a figure differenti per età, classe e condizione civile, ma accomunate dalla volontà di partecipare attivamente al miglioramento della vita economica, sociale e politica locale, fronteggiando miseria, sfruttamento e dittatura.
La mostra si concentrerà in particolare su tre nuclei centrali: le contestazioni femminili susseguitesi lungo il primo conflitto mondiale contro la penuria di viveri e la guerra; le rivendicazioni avanzate negli anni Trenta dalle tabacchine per l’ottenimento di migliori condizioni lavorative; l’azione di anarchiche, sovversive, comuniste contro il regime fascista, tra le quali risalta Maria Teresa Sparascio, unica donna di origine salentina attiva tra le fila della Resistenza in Emilia Romagna.
Parteciperanno all’evento Giovanna Bino (AIPH, Comitato scientifico Gender; Cento Esperte) ed Elena Laurenzi (Storia delle dottrine politiche, Unisalento) .

La mostra, allestita presso la Sala di Studio dell’Istituto, in A. Via Sozy Carafa n. 15, è visitabile previa prenotazione al n. 0832 246788 domenica 10 ottobre, dalle 16 alle 20. Al fine di rispettare le norme inerenti allo stato di emergenza Covid-19, sono previsti quattro turni d’ingresso, contingentati e limitati a 6 persone. Per partecipare è necessario essere provvisti di Green pass e mascherina. Resta l’obbligo di rispettare le distanze di sicurezza previste e di evitare assembramenti all’interno dei locali dell’Archivio.

Archivio di Stato di Lecce 
[t] 0832 246788
[@] as-le@beniculturali.it
[w] www.archiviodistatolecce.beniculturali.it

Direzione Generale Archivi
Via di San Michele 22- 00153 Roma IT
Copyright © 2012
Disclaimer
+39 06 672361 
+39 06 4882358
posta elettronica